Il Passo Gavia (2618 metri s.l.m), è un rinomato valico alpino a confine tra le provincie di Sondrio (Valfurva) e quella di Brescia (Ponte di Legno). Vi sveliamo qualche curiosità!!!

Il Passo Gavia (2618 metri s.l.m), sito nel comune di Valfurva, è un rinomato valico alpino a confine tra le provincie di Sondrio (Valfurva) e quella di Brescia (Ponte di Legno). La strada è aperta nella sola stagione estiva e offre ai viaggiatori un incredibile panorama sulle montagne del gruppo Ortles-Cevedale e dell’Adamello.

Il Passo del Gavia dista 26 km da Bormio e 13 km da Santa Caterina. La strada presenta una salita a tratti ripida e contraddistinta da alcuni stretti tornanti. In alcune sezioni la carreggiata è sprovvista di parapetti.

LAGO BIANCO

In prossimità del Passo Gavia (salendo da Bormio) si trova un bellissimo lago naturale di origine glaciale. Questo bacino, chiamato Lago Bianco, è caratterizzato da un particolare colore brillante delle acque; questo è reso possibile grazie al suo fondale calcareo.

LAGO NERO

Sul versante bresciano, a pochi chilometri dalla sommità del Passo Gavia, si trova un altro interessante lago naturale di origine glaciale. Questo lago, dalle scure acque, prende il nome di Lago Nero.

BREVE STORIA DELLA STRADA DEL PASSO GAVIA

Una antica strada mulattiera, lasciato l’abitato di Santa Caterina Valfurva, risaliva alle baite di Plaghera per poi proseguire verso il Ponte delle Vacche. Superato il torrente Gavia ci si spostava sull’altro versante della valle per poi risalire fino al Lago Bianco passando dal ponte di pietra. Anche se la datazione originaria di questo importante passaggio non è ben nota, quasi certamente si parla di un percorso battuto già dal Medioevo. Nei secoli successivi questa rotta, insieme a quella proveniente da Pejo e oggi non più carrabile, consentiva il traffico mercantile tra le Repubblica di Venezia, la Francia e la Germania attraverso il Contado di Bormio e le vie di Fraele e dell’Umbraglio.

Nel secolo scorso, per esigenze belliche (guerra 1915-1918) si rese necessario ampliare la vecchia mulattiera per permettere ai carri militari di portare in quota le pesanti artiglierie. L’attuale percorso, rude e selvaggio, è un importante collegamento estivo tra la Provincia di Sondrio e quella di Brescia. Ai giorni nostri questo famoso valico alpino ha perso completamente l’importanza mercantile del passato ma grazie alle leggendarie tappe del Giro d’Italia del 1960 e del 1988, è oggi meta ambitissima di ciclisti e motociclisti di ogni parte del mondo.

CURIOSITA’ SULL’ALTEZZA DEL PASSO GAVIA (2652 o 2618 metri s.l.m?)

La quota del Passo Gavia è di 2618 metri s.l.m. ma al valico è presente un cartello indicante “erroneamente” la quota di 2652 metri s.l.m.. Se vi state chiedendo il perché di questo “errore” la risposta è tutta nella storia.  I 34 metri di differenza di quota sono dovuti allo spostamento della strada avvenuto nel corso della prima guerra mondiale. Prima di allora il vecchio tracciato passava sulla sponda orientale del lago Bianco valicando ad una quota più elevata di quella attuale. Da allora, in alcuni casi, fu erroneamente riportata l’antica quota di valico fino a diventare una stuzzicante curiosità.

QUANDO SALIRE AL PASSO GAVIA?

Il Passo del Gavia è aperto al traffico solamente nei mesi estivi. Variabile di qualche settimana, in base alle condizioni di innevamento, l’apertura è generalmente prevista dai primi di giugno a fine ottobre.

RISTORI AL PASSO GAVIA

Presso il sacrario militare posto a pochi chilometri dal  valico, salendo da Santa Caterina Valfurva, si trova il Rifugio Berni (0342 935456). Al passo Gavia si trova invece il Rifugio Bonetta (0364 91806).

ESCURSIONI AL GAVIA

Per gli appassionati di escursionismo dal Passo Gavia si può salire al Monte Gaviola oppure al Monte Gavia. Dal Rifugio Berni partono invece interessanti escursioni nella Valle di Dosegù tra le quali la salita al Bivacco Battaglione Ortler. Sempre dal rifugio Berni partono le celebri escursioni alpinistiche estive al pizzo Tresero e al Monte San Matteo.

CICLISMO E MOTOCICLISMO ESTIVO

Scoperto dal patron Torriani nel 1960, il Gavia entrò nella storia del ciclismo per il passaggio del Giro d’Italia del 1988 con temperature rigide e nevicate. Da questo evento si è convalidato come leggendaria salita ciclistica.

COME RAGGIUNGERE IL PASSO DEL GAVIA DALL’ALBERGO ADELE A BORMIO?

Il Gavia è raggiungibile dall’Albergo Adele di Bormio seguendo la SP29 in direzione Valfurva e Santa Caterina. Nei mesi estivi di maggior affluenza si può raggiungere il Passo Gavia con il servizio pubblico gestito da Automobilistica Perego fino a Santa Caterina Valfurva e poi con una navetta, sempre gestita da Automobilistica Perego, che porta direttamente al passo Gavia. Per maggiori informazioni: Pro loco Santa Caterina Valfurva 0342 935544

ENJOY STELVIO NATIONAL PARK

Il Passo Gavia, con il Passo Stelvio, il Mortirolo, Cancano e Bormio 2000 completa l’offerta turistica estiva delle grandi salite ambite dai ciclisti e turisti dell’Alta Valtellina. Da qualche anno infatti grazie al progetto Enjoy Stelvio National Park, è possibile beneficiare di alcune giornate con le strade chiuse al traffico per una salita libera dai rumori e dalla frenesia dei mezzi motorizzati. Come da slogan: “Salite chiuse ai motori ed aperte alle emozioni”.

Buona visita al Passo Gavia da Stefano e da tutto lo staff di Albergo Adele

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE TUTTE LE SCHEDE DEDICATE ALLA CULTURA A BORMIO PROPOSTE DAL BLOG DI ALBERGO ADELE
CLICCA QUI PER VISUALIZZARE TUTTE LE ESCURSIONI IN ALTA VALTELLINA PROPOSTE DAL BLOG DI ALBERGO ADELE
VOGLIA DI UNA VACANZA A BORMIO? CLICCA QUI PER VISUALIZZARE OFFERTE E PROMOZIONI DI ALBERGO ADELE
CLICCA QUI PER VISUALIZZARE I LUOGHI DA VISITARE DURANTE IL TUO SOGGIORNO A BORMIO

COPYRIGHT E NOTE LEGALI – AGG. 15/01/2021

Tutti i contenuti di questa pagina (testi, elementi grafici, immagini, fotografie, video, etc.) sono di esclusiva proprietà di Stefano Bedognè e di Albergo Adele S.a.s. e sono protetti dalle leggi italiane e internazionali in materia di copyright. Pertanto ne è consentita solo ed esclusivamente la consultazione. Sarà concessa la duplicazione, parziale o totale, solo dopo esplicita richiesta e autorizzazione. In tal caso dovrà essere espressamente indicata, sulle copie realizzate, la provenienza della fonte ossia il sito web www.albergoadele.it. Ogni utilizzo differente da quelli previsti (la distribuzione a terzi e/o la pubblicazione a scopo di lucro, la modifica, l’elaborazione in qualunque forma e modo, etc.) verrà quindi considerato abusivo e sarà perseguito a norma di legge.

Le informazioni fornite in questa rubrica, sul sito web e sul blog in generale, sono finalizzate a promuovere le opportunità turistiche e culturali di Bormio e della Valtellina ma non sostituiscono in nessun modo l’accompagnamento di professionisti o la consulenza diretta di questi ultimi.

Gli autori, pur curando con la massima attenzione i contenuti del presente sito web, anche in termini di aggiornamento, non si assumono alcuna responsabilità in merito a eventuali problemi che possano insorgere per effetto di un utilizzo scorretto dello stesso, delle informazioni in esso contenute e di siti web esterni ad esso collegati. Albergo Adele S.a.s. e Stefano Bedognè, salvo diverse indicazioni di Legge, non possono essere ritenuti in alcun modo responsabili di danni, diretti o indiretti, causati dall’accesso al sito web, dall’incapacità o dall’impossibilità di accedervi, dall’affidamento alle notizie in esso contenute o dal loro impiego.