Escursione al Filon del Mot – Giro ad anello

2019-08-09T14:27:44+02:0012.08.2019|

Escursione al Filon del Mot – Giro ad anello

Lunghezza totale dell’escursione:  11.200 metri

Dislivello totale in salita: 650 metri

Tempo indicativo dell’escursione: 5 ore

Difficoltà: escursionistica (7 su 10)

Stagione consigliata: dai primi di luglio a fine settembre

Percorso adatto anche in giorni di pioggia:  no

Caratteristiche generali dell’ambiente: itinerario panoramico d’alta montagna

Presenza di acqua\fontane lungo il percorso: si (nella seconda parte del percorso)

Percorso all’interno dei confini del Parco Nazionale dello Stelvio: si

Panchine lungo il percorso: no

Aree picnic lungo il percorso: no

Ristori o rifugi lungo il percorso: no

Percorso ad anello: si

Percorso vai e vieni: no

Percorribile con passeggino: no

Località di partenza dell’escursione: Piazzale funivia dello Stelvio

Coordinate del punto di partenza: 46°31’39.97” N – 10°27’05.66” E  —-   UTM:  32T 611325  –  5153713

Quota del punto di partenza: 2765 metri s.l.m.          Quota massima toccata dal percorso:   3094 metri s.l.m.

Descrizione dell’itinerario

L’escursione ad anello al Filon del Mot, con partenza dal Passo dello Stelvio, è una escursione decisamente appagante nella quale si fondono in perfetta armonia gli infiniti paesaggi d’alta montagna e i segni ancor vivi della Grande Guerra. Proprio su questo itinerario, infatti, è possibile salire comodamente su una cima di 3094 metri e allo stesso tempo camminare su quelle che furono le prime linee Austroungariche e Italiane poco più di cento anni fa.

Dal piazzale di fronte all’hotel Pirovano al Passo dello Stelvio ci si incammina lungo la strada sterrata che sale alle spalle della funivia e, a tratti ripidi, porta verso la Nagler e le Platigliole.

Giunti al Passo delle Platigliole si svolta a destra (cartello) e ci si incammina lungo il sentiero che sale verso la cima del Monte Scorluzzo. In questa parte di percorso il sentiero di salita si dirama spesso in brevi varianti che tuttavia non condizionano la salita. Giunti in vetta al monte Scorluzzo, lasciando alle proprie spalle il versante appena risalito, si prende il sentiero che scende in basso a sinistra (sud ovest).

Nei primissimi metri di discesa il percorso non è molto evidente ma, dal cartello informativo in prossimità della vetta, si vedono chiaramente i primi bolli segna percorso (strisce bianco\verde\rosso). La discesa dalla cima, per circa un centinaio di metri, presenta tratti attrezzati con catene metalliche. Questa è l’unica parte tecnica del percorso e, anche se non presenta particolari difficoltà o pericoli, richiede la giusta attenzione.

Finito il tratto attrezzato il sentiero diventa più comodo e segue interamente il crinale denominato “Filon del Mot”.

In questa parte del percorso, un grandioso paesaggio si mescola con i resti della guerra tra i quali: trincee, muri a secco, scale di legno, resti di baraccamenti e filo spinato.

Il percorso, con l’esclusione di un piccolo risalto roccioso (aggirabile sulla sinistra), prosegue in leggera discesa fino al villaggio militare del Filon del Mot. Giunti in prossimità dell’accampamento (si suggerisce una visita) si svolta a destra sul sentiero in discesa che in breve porta all’evidente malga Scorluzzo e alla sua omonima piana.

In prossimità dell’alpeggio il sentiero torna ad allargarsi fino a diventare una comoda strada sterrata. Si prosegue sempre in leggera discesa fino ad incrociare su un tornante la strada militare che porta a Le Rese Basse. Al tornante si svolta a destra e in leggera salita si prosegue lungo la strada militare in direzione delle cannoniere de le Rese Basse.

Giunti alle postazioni d’artiglieria in prossimità della statua dedicata alla Madonna della Neve, si punta in direzione Passo Stelvio e su comodo sentiero si raggiunge il tornante “de la stua” sulla strada statale. Si segue la strada dello Stelvio, in salita, per circa un chilometro. Raggiunta la vecchia statale, oggi chiusa al traffico veicolare da alcuni grossi massi, la si imbocca e con un ultimo sforzo si ritorna al punto di partenza.

Sul percorso è possibile avvistare stambecchi, marmotte, pernici, aquila e gipeto. Di grande pregio è anche la flora alpina con numerose specie presenti tra le quali si segnalano: genziane, ranuncoli, rododendri, soldanelle e achillee (taneda).

Punti di interesse culturale sul percorso: I luoghi della Guerra Bianca – Monte Scorluzzo – Filon del Mot – Rese basse

Al termine dell’escursione si suggerisce una visita al prezioso Museo “Carlo Donegani” al Passo dello Stelvio   oltre che una breve sosta al Sacrario Militare e alla chiesetta di San Ranieri nei pressi della terza cantoniera dello Stelvio.

Buona escursione!

Stefano e tutto lo staff di Albergo Adele

Scarica la scheda dell’escursione: Filon del Mot – giro ad anello
Scopri tutte le escursioni a Bormio sul Blog di Albergo Adele

Il contenuto di questa pagina (testo, elementi grafici, immagini, ecc.) è di esclusiva proprietà di Stefano Bedognè e Albergo Adele, è protetto dalle leggi italiane e internazionali in materia di copyright. È consentita solo ed esclusivamente la consultazione. Sarà concessa la duplicazione, parziale o totale, solo dopo esplicita richiesta; in tal caso dovrà essere espressamente indicata, sulle copie realizzate, la provenienza della fonte ossia il sito internet www.albergoadele.it. Ogni utilizzo differente da quelli previsti (la distribuzione a terzi e/o la pubblicazione a scopo di lucro, la modificazione, l’elaborazione in qualunque forma e modo, ecc.) verrà quindi considerata abusiva e sarà perseguita a norma di legge.

Le escursioni descritte hanno solamente scopo divulgativo e di promozione del territorio. Ogni escursionista deve valutare in maniera autonoma il proprio personale stato di forma fisica, esperienza  e capacità.  L’escursionista dovrà valutare in maniera autonoma le difficoltà del percorso in base alle proprie condizioni, alle condizioni del sentiero e meteorologiche, compresa la presenza di ghiaccio, neve, frane, colate detritiche o altri eventi. Albergo Adele e Stefano Bedognè non si assumono nessun tipo di responsabilità per eventuali incidenti occorsi agli escursionisti durante le escursioni descritte e nei percorsi indicati. Albergo Adele e Stefano Bedognè suggeriscono sempre l’accompagnamento da parte di una Guida Alpina.