Loading...
Altre attività2018-07-23T09:19:22+00:00

Project Description

GIARDINO BOTANICO

Aperto da maggio a settembre, raccoglie in 14.400 mq una consistente parte della ricchissima flora del Parco (oltre 1.400 essenze) oltre a specie appenniniche o di gruppi montuosi europei ed extraeuropei, per un totale di oltre 2.500 specie vegetali. E’ suddiviso in quattro sezioni: la flora del Parco Nazionale dello Stelvio; collezioni fito-geografiche delle zone alpine, europee, extraeuropee, artiche e antartiche; le collezioni sistematiche e un arboreto.

FORTE DI OGA E RISERVA DEL PALUACCIO

Il Forte militare Venini di Oga, eretto a difesa dei principali valichi alpini dell’Alta Valtellina, fu costruito tra il 1908 e il 1914 in località Dossaccio. Per la struttura, decisamente massiccia, presenta anche quattro cupole corazzate in acciaio dove si trovavano i cannoni che, grazie alla particolare orientazione est-ovest, potevano ruotare e difendere tutti i passi e i valichi potenzialmente soggetti al pericolo nemico.
La Riserva Naturale del Paluaccio di Oga è un ambiente di torbiera, uno dei pochi rimasti in Italia, di particolare interesse naturalistico. Creata nel 1983, la torbiera risale a circa 13.000 anni fa e ricopre una superficie di oltre 30 ettari. Al suo interno, conserva ancora oggi una molteplicità di ambienti di notevole interesse naturalistico (torbiera bassa e intermedia, prati torbosi, praterie a nardo, aree boschive), tra cui specie molto eterogenee.

FERRIERE CORNELIANI A VALDIDENTRO

Per molti secoli l’estrazione e la lavorazione del ferro costituirono una risorsa economica prioritaria per l’alta Valtellina. Le ferriere di Premadio furono attive dal 1852 al 1875. Queste disponevano di più forni, quattro magli, un laminatoio e un’officina dove venivano lavorate fino a 15 tonnellate di minerale al giorno.

MUSEO CARLO DONEGANI AL PASSO DELLO STELVIO

Il museo storico “Carlo Donegani” si trova a 2758 m, al Passo Stelvio e racconta la storia del passo in tutti i suoi aspetti. Questo è istituito verso lo sportello della banca popolare di Sondrio, il museo racconta lo Stelvio da più punti di vista: dalla Grande Guerra, alle scuole di sci, ai ghiacciai e al parco Nazionale dello Stelvio.

CENTRO VISITATORI DEL PARCO A VALFURVA

Tra le strutture del Parco Nazionale dello Stelvio, il Centro Visitatori a S. Antonio Valfurva è nato allo scopo di fornire una visione d’insieme degli aspetti naturali ed umani del Parco Nazionale in base a tre temi fondamentali: flora e fauna, paesaggio e strutture antropiche. Tramite pannelli informativi, reperti e postazioni multimediali sarà possibile comprendere gli aspetti più salienti della vita del Parco.

PARCO DELLE INCISIONI RUPESTRI A GROSIO

Il parco delle incisioni rupestri di Grosio, fu istituito nel 1978 per valorizzare il patrimonio archeologico del dosso dei castelli, che domina sull’abitato di Grosio, paese posto tra tirano e Bormio. All’interno del parco, spiccano gli imponenti resti del Castello Vecchio di S. Faustino e del Castello Nuovo Visconte.
La Rupe Magna, una delle rocce più grandi incise nell’ arco alpino; venne scoperta nel 1966 da Davide Pace e presenta più di 5000 figure incise. Un altro complesso di rocce, il Dosso Giroldo,, fu scoperto nel 1970 sempre da Davide Pace a nord del dosso dei Castelli. Composto da oltre 50 rocce, di particolare interesse è quella chiamata Roccia degli Armigeri, per la presenza di figure antropomorfe.

ALBERGO ADELE E HOTEL PIROVANO, UNA PARTNERSHIP VINCENTE

L’Hotel Pirovano al Passo dello Stelvio è un punto di riferimento e garanzia di qualità per tutti gli ospiti dell’Albergo Adele. Dopo la salita in funivia sul ghiacciaio dello Stelvio o una escursione sui sentieri della Grande Guerra, pranzo o aperitivo sulla terrazza panoramica del Pirovano, a quasi 3000 metri di quota e con il maestoso monte Ortles a fare da cornice all’incredibile scenario del passo, sono la ciliegina sulla torta di una giornata in alta quota. Sono inoltre previste interessanti opportunità per i nostri ospiti in occasione dei grandi eventi sportiviche raggiungono il Passo Stelvio.

PALAZZO DEL GHIACCIO

Il palazzo del ghiaccio di Bormio, al coperto è aperto nove mesi all’anno, da luglio a marzo, è il luogo ideale per muovere i primi passi sulle lame. La struttura offre una scala Coffee break e la possibilità di noleggiare i pattini. La sera la pista da ghiaccio si trasforma con luci e musica in una pista da ballo. Spesso il palaghiaccio di Bormio è teatri di importanti gare di Short Track, pattinaggio di velocità su pista corta. Qui sono cresciuti grandi campioni olimpici come Arianna Fontana e Martina Valcepina.

ARRAMPICATA SPORTIVA

Il territorio di Bormio, in particolar modo grazie all’importante lavoro di chiodatura della Guida Alpina Eraldo Meraldi, offre tutto l’anno una nutrita serie di opportunità per gli amanti dell’arrampicata sportiva. Le aree più rinomate e frequentate sono i monotiri delle falesie di Bormio\Bagni Vecchi ed Isolaccia, entrambe con più di 100 monotiri ciascuna (dal 4c all’ 8a).
Per le vie sportive a più tiri, il Sasso dei Contrabbandieri e la parete di Cancano offrono una buona scelta di itinerari, ben chiodati e con un veloce avvicinamento.
Nelle valle laterali e nelle vicinanze di alcuni rifugi, sono presenti altre piccole perle ben chiodate che lasciamo a voi l’opportunità di scovare.
Nei mesi invernali, in Valfurva, Valdidentro e Valdisotto, gestite dalle locali sezioni CAI sono attive anche 3 palestre attrezzate per l’arrampicata indoor.

CURLING

Bormio è una delle poche località alpine italiane ad avere una pista da curling coperta dove poter provare questo sport così particolare e divertente. Oltre a fornirvi le nozioni base e l’attrezzatura necessaria, il Gruppo Curling di Bormio vi aiuterà a muovere i primi passi sul ghiaccio.

BOCCE

Le bocce sono uno sport da non sottovalutare. Praticato in tutto il mondo è più facile a dirsi che non a praticarsi. A Bormio e nei paesi limitrofi, sono presenti diversi campi, sia coperti che all’aperto, per allenarsi e prepararsi per i numerosi tornei che vengono organizzati dalla Bocciofila di Bormio.

TENNIS

A Bormio e nei paesi limitrofi molte sono le opportunità degli amanti del tennis: A Bormio, Valdidentro, Valdisotto e Valfurva troverete campi scoperti e sintetici dove giocare durante la bella stagione e godervi un po’ di sano sport all’aria aperta.

CIASPOLE

A Bormio le giornate invernali si apprezzano soprattutto stando all’aria aperta, camminando con le ciaspole lungo i sentieri che collegano i punti del paese, oppure addentrandosi nei boschi del comprensorio. La magia di muoversi nel silenzio ovattato della natura circostante, accompagnati dal solo rumore dei propri passi che affondano nella neve, apre all’escursionista una dimensione unica.

FAT BIKE

Le fat bike sono delle bici di maxi ruote che rendono la bici facile da controllare e garantisco una stabilità estrema, anche sui terreni più accidentali, meglio se ricoperti da neve. Le fat bike, sebbene nascono già nel 1989 per opera di Simon Rakower, entrano sol nel 2014 tra le novità nel mondo degli sport action.

HUSKY VILLAGE

Il centro Italiano Sleddog Husky Village, situato ad Arnoga, offre sia in inverno che in estate fantastiche gite lungo la Decouville o la Val Viola in compagnia degli husky. In inverno gli adulti potranno guidare la propria slitta mentre bambini e anziani potranno accomodarsi nella sacca della slitta degli istruttori e godersi il panorama.

GOLF

Il campo da golf della “Fornace” ha 9 buche adatte sia per i principianti che si vogliono avvicinare a questo splendido sport che per i giocatori abituali che si potranno sbizzarrire su quello che viene da molti esperti considerato uno dei migliori campi di montagna d’Italia.
Opera dell’architetto Mario Verdieri di St. Moritz, il campo ha tutti i requisiti per l’eccellenza: splendido il panorama che si gode sulle cime circostanti, ideale il clima, sempre fresco ed asciutto, ottimo il livello di manutenzione.

TRENINO ROSSO DEL BERNINA

Patrimonio Unesco dal 2008, il trenino rosso del Bernina rappresenta una delle tratte ferroviarie più alte d’Europa e collega dal 1910 la Valtellina con la Svizzera.
Tra ingegnosi passaggi architettonici e scenari mozzafiato, in circa 2 ore e 30 minuti si giunge da Tirano a St. Moritz raggiungendo i 2253 metri della stazione di Ospizio Bernina, il punto più alto della tratta.
Con il biglietto giornaliero è possibile scendere a qualsiasi fermata e risalire sul treno successivo, offrendo ai passeggeri la possibilità di escursioni e fotografie nei luoghi a loro più congeniali.

SCI ESTIVO AL PASSO STELVIO

Sciare in estate, su ghiacciaio è un esperienza unica ed indimenticabile. Il ghiacciaio dello Stelvio offre questa grande opportunità da fine maggio al primo fine settimana di novembre.

STRADA PANORAMICA DEI TERRAZZAMENTI

Per gli appassionati di cultura, vino e viticoltura, merita sicuramente una visita la strada panoramica dei terrazzamenti che da Teglio (circa 50 minuti da Bormio) porta fino a Sondrio, passando da Chiuro, Ponte in Valtellina e Tresivio. Lungo il tragitto, immerso negli splendidi scenari terrazzati delle vigne Valtellinesi, meritano una visita il palazzo Besta a Teglio, il Santuario della Santa Casa di Loreto a Tresivio e il Castel Grumello nei pressi di Sondrio. Lungo il tragitto di ritorno è d’obbligo anche una sosta al Santuario della Madonna di Tirano, basilica sorta sul luogo dell’apparizione della Beata Vergine nel 1501.